LE ATTIVITA'
Sito realizzato da:
Presentazioni dei metodi di Francesco Sfilio

Evento organizzato dalla FONDAZIONE "F.SFILIO" in collaborazione con il COMUNE DI GENOVA

Martedì 18 GIUGNO 2002 ore 17 Palazzo Tursi
Salone di Rappresentanza

Presentazione volumi:
FRANCESCO SFILIO: ALTA CULTURA DI TECNICA VIOLINISTICA

FRANCESCO SFILIO: NUOVA SCUOLA VIOLINISTICA ITALIANA
METODO IN 5 LINGUE (ITALIANO, INGLESE, TEDESCO, FRANCESE, SPAGNOLO)


Zecchini Editore

Intervenuti:
Anna Castellano, Assessore Comune di Genova
Giuseppe Gaccetta, violinista
Paolo e Roberto Zecchini, editori e musicisti
Stephen Hastings, direttore della rivista "Musica"
Angelo Guaragna, direttore del Conservatorio Niccolò Paganini
Giorgio De Martino, musicologo
Giulio Franzetti, violinista.


Fino a ieri considerata quasi leggenda, anche dagli addetti ai lavori, quanto proposto nel duplice volume edito da Zecchini rappresenta la riscoperta della scuola violinistica paganiniana, con la dirompente potenzialità di capovolgere i concetti della postura e dell'esecuzione violinistica attualmente percorsi. Dopo settant'anni di oblio è nuovamente fruibile il rivoluzionario sistema tecnico-didattico fissato a metà degli anni '30 da un "allievo dell'allievo" di Paganini, il violinista genovese Francesco Sfilio. Una scuola violinistica inequivocabilmente collegata all'autore dei Capricci, recentemente riportata alla luce dall'anziano discepolo di Sfilio, il Maestro Giuseppe Gaccetta (anch'egli genovese), che dopo sessant'anni di silenzio ha deciso di restituire al mondo questo prezioso bagaglio musicale. Una scuola che ha già trovato appassionati sostenitori in personalità artistiche di grande prestigio quali Giulio Franzetti, Franco Gulli, Ruggero Ricci e molti altri. Nel corso dell'incontro, esecutori e studiosi esporranno i princìpi fondamentali della scuola violinistica di Sfilio, inquadrandone la sua diretta filiazione paganiniana e ripercorrendo le tappe artistiche e didattiche di questo grande artista, i cui straordinari insegnamenti sono stati clamorosamente dimenticati per oltre mezzo secolo

 
Giuseppe Gaccetta


 
Francesco Sfilio


 
Camillo Sivori


 
Niccolò Paganini